Dite addio all’RNB6. Parrot cambia strategia!

Parrot RNB6

Dal momento della presentazione avvenuta al CES 2015, accolta con entusiasmo ed interesse da parte dei visitatori e dagli addetti ai lavori, intorno all’RNB6 è iniziata a crescere l’attesa per l’effettiva data di uscita sul mercato. Esteticamente accattivante, con quel pizzico di “diverso” che da sempre accompagna i prodotti Parrot e sopratutto caratterizzato dalla contemporanea presenza di CarPlay e Android Auto, fattore che ha designato, almeno in Europa, il 2DIN del produttore francese come unico vero sfidante del leader indiscusso di questo particolare segmento di prodotti, Pioneer, l’RNB6 ha raccolto sempre più il favore degli utenti tanto da indurre molti di questi a rinunciare all’acquisto dell’Asteroird Smart per attendere il nuovo modello.
Per tutti questi motivi la delusione per la mancata distribuzione del 2DIN Multi-Connected di Parrot è cogente e difficile da digerire.
Ma perché il produttore ha intrapreso questa strada? Proviamo a capirlo.
 

Parrot Cambia strategia distributiva sull’RNB6

In un momento in cui la tecnologia ed in particolare la modalità attraverso cui avviene l’integrazione tra Smartphone e sistema di Car Infotantment traina lo sviluppo di nuovi ecosistemi di ausilio alla guida e di intrattenimento, fa specie leggere un comunicato ufficiale in cui viene decretato con fermezza ed estrema sintesi che un’azienda come Parrot rinuncia a vendere al mercato Consumer il suo prodotto più promettente.


Per proporre una spiegazione è indispensabile però dare una lettura più ampia della notizia perché Parrot non rinuncia alla vendita dell’RNB6, semplicemente cambia il target di riferimento. Non sarà il consumatore finale l’acquirente del 2DIN ma direttamente la casa automobilistica che lo integrerà come equpaggiamento di primo impianto, il che ha un senso, una scommessa certo, ma sensata.
Dal momento in cui Apple ha dichiarato il rilascio di CarPlay, ed a ruota è seguito l’annuncio di Google, con il suo Android Auto, un po’ tutti i produttori di autoveicoli si sono affannati per integrare le nuove tecnologie nei propri modelli rendendosi subito conto che un cosa e volerlo ed un’altra è farlo.
I costi prima di tutto. Costi per usufruire della tecnologia sviluppata, decisamente più onerosa quella di Apple, ed i costi per realizzare un sistema di Infotaintment compatibile. Così mentre molte case automobilistiche si sfidavano a suon di annunci altri intraprendevano la strada di sviluppo di un proprio sistema operativo per accorgesi poi che il percorso è più irto di quanto si pensasse.
In un contesto in cui nulla è realmente definito e nel quale molte case automobilistiche stanno alla finestra nell’attesa di capire quale sia la soluzione migliore, Parrot si è inserita con una soluzione chiavi in mano, un sistema avveniristico che integra le due tecnologie di connessione più diffuse al momento perché diffusi sono i terminali compatibili e dotato di elevata integrazione con le varie componenti dell’auto.
Al momento non si hanno notizie sui Brand a cui è stato proposto l’RNB6 o quali siano quelli interessati, quando sarà disponibile o su quale tipologia di veicoli ma una cosa è certa, il 2DIN Multi-Connected di Parrot non potrà essere acquistato in negozio ma lo si potrà direttamente trovare sulla vettura al momento dell’acquisto.

3 pensieri su “Dite addio all’RNB6. Parrot cambia strategia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *